Perchè un macaco empatico?

Perchè un macaco empatico?

Non sapevo bene che cosa dirgli. Mi sentivo molto maldestro.
Non sapevo bene come toccarlo, come raggiungerlo…
Il paese delle lacrime è così misterioso.
Antoine de Saint-Exupéry

 

L’empatia è la capacità di percepire le emozioni altrui e di ragionare, potremmo dire poeticamente, con il cuore. E’ la grande possibilità umana di immedesimarsi, identificarsi ed entrare nel mondo emotivo dell’altro, del diverso da me. L’empatia è una naturale componente degli esseri umani (e di molti “animali”) ma essa è anche una capacità, un’abilità che può essere allenata e che possiede vari livelli e diverse intensità; infatti lo spettro empatico ha diverse gradazioni. Possiamo dire che esiste un circuito empatico che parte e coinvolge la sfera cognitiva e della comprensione, prosegue attraverso la sfera emotiva e raggiunge la sua massima espressione nella compassione empatica. Possiamo affermare che il beneficio diretto e immediato di una comunicazione empatica è la valorizzazione della dignità delle persone e ancora che questa valorizzazione trova sempre più riscontro nelle ricerche scientifiche sulle relazioni. Infatti, molto è stato fatto dal 1996 quando il gruppo di ricerca di Giacomo Rizzolatti pubblicò i risultati delle proprie ricerche, partite dalle scimmie, che provocarono un vero e proprio terremoto nel mondo accademico. Da questo evento partirono gli studi su quelli che furono battezzati come i «neuroni specchio», i neuroni dell’empatia.

Ma cosa sono i neuroni specchio? Sono quei neuroni che consentono all’uomo e ad altri animali di «mettersi nei panni degli altri» e sperimentare pensieri e comportamenti altrui «come se» fossero propri.

Una persona empatica che doti ha? La persona empatica possiede: ottime capacità di introspezione e di comunicazione, sa comprendere il linguaggio del corpo, vive il suo quotidiano in modo congruente, possiede curiosità per la vita e interesse verso gli altri.

L’empatia cambia la relazione tra persone e ambiente? L’empatia è un mezzo di contatto e permette una relazione personale e interpersonale più autentica con l’ambiente circostante; è un potente vincolo ecologico fra le persone ed è capace di liberare forze vitali.

Cosa limita la nostra empatia? I fattori che limitano la comprensione empatica sono prevalentemente: la rigidità mentale, l’insicurezza, l’immaturità affettiva, la tendenza ad esprimere giudizi e a dirigere il comportamento altrui.

In conclusione le nostre capacità umane sono sempre più spesso messe alla prova e confuse da una grande quantità di stimoli, spesso contrastanti. La nostra capacità di auto valutazione e la nostra volontà di apprendere costrutti socio-relazionali, come l’empatia, e di esercitarci nella pratica quotidiana è probabilmente il primo fattore di protezione dalla crescente regressione emotiva che subisce il nostro genere umano.

Antonello D. Mallamo

Video:

I commenti sono chiusi