Equilibrio termico del corpo

Equilibrio termico del corpo

Un breve accenno ad alcune scoperte e metodi di medicina naturale di Manuel Lezaeta Acharan.

Lezaeta sperimentò i benefici effetti degli elementi naturali, l’acqua, il sole, l’aria, la terra guarendo da una seria malattia e da qui nacque la sua ispirazione per ricercare una cura che non si occupasse della malattia bensì di ristabilire la salute integrale dell’individuo, la normalità funzionale di tutti gli organi e della psiche, che si manifesta quando c’è equilibrio termico fra la temperatura interna ed esterna del corpo.

Secondo Lezaeta, gli squilibri termici sono spesso dovuti a dei disordini alimentari che bloccano la digestione e di conseguenza non favoriscono una buona nutrizione, creando un innalzamento della temperatura delle mucose gastrointestinali a causa di un eccessivo afflusso di sangue e un’insufficiente irrorazione del sangue a livello cutaneo, che si origina per reazione nervosa e circolatoria poiché l’apparato digerente è sotto stress.

Un buon equilibrio termico, che possiamo ad esempio provare semplicemente quando abbiamo le mani e i piedi freschi, sia che faccia freddo o caldo, favorisce le naturali purificazioni del corpo, processi indispensabili per stare in salute. Il sangue si elabora nell’apparato digerente e si purifica nei polmoni, attraverso la pelle e i reni, e la disintossicazione dell’organismo porta al ripristino della Forza Vitale!

I metodi che Lezaeta ci propone per trasportare all’esterno del corpo le tossine, sono soprattutto i cataplasmi di fango e le applicazioni di acqua fredda. I primi assorbono l’eccessivo calore gastrointestinale disinfiammando l’organismo, mentre le applicazioni d’acqua, costituite da un particolare bagno di vapore che procura reazioni nervose e circolatorie grazie a lavaggi del corpo o di alcune parti di esso, rimuovono le sostanze tossiche attraverso l’effetto termo circolatorio che ristabilisce l’equilibrio della temperatura del corpo. Mediante il “conflitto” termico dell’acqua fredda sul corpo, a determinate condizioni, ovvero corpo caldo, lontano dai pasti, preferibilmente alla mattina o alla sera, si risveglia l’attività nervosa e circolatoria che mette in moto le naturali funzioni cellulari!

Perciò iniziamo a partire dalla qualità del cibo, dal momento e dal modo in cui lo ingeriamo: assaporiamo ed ascoltiamo anche per pochi secondi cosa sentiamo. Si tratta di un’azione individuale che va compiuta per riattivare le funzioni organiche alla ricerca del nostro intero benessere!

Perché allora non provare a gustare “l’effetto” di una doccia fresca d’estate?

                                                                                                                                                 Michela

Nessun commento ancora

Lascia un commento